Sento la primavera

Sento la primavera. Se vi immaginate che il post continuerà tipo così…

… siete lontani dalla giusta strada. Non è che io odi la primavera, anzi. Mi piacciono le giornate che si allungano, il sole che riscalda le giornate, i fiori che sbocciano e così via. E ora a maggior ragione mi immaginate cantare a squarciagola la colonna sonora di “Tutti insieme appassionatamente”.

MA.

Il 90% delle volte una giornata di sole corrisponde al resto della settimana diviso tra nuvoloso, nebbia e pioggia. Riassumendo in un’immagine:

Spring expectations vs. spring reality

Essendo io leggermente – sono sarcastica – meteoropatica, oscillo dalla totale euforia modello Heidi a cui le caprette fanno ciao alla letargia più profonda.

C’è tuttavia un sistema per risolvere il problema del sonno e in questo mi viene in soccorso l’allergia. È stupendo alzarsi dal letto infilando una decina di starnuti, o forse dovrei dire esplosioni…

Forse sono leggermente – sarcasmo, ricordate? – tragica, ma del resto è innegabile che il momento di maggiore stress si concentri per me in primavera.

Ed è per questo che propongo una mozione: se siamo tutti d’accordo passerei direttamente all’estate. Chi ci sta?

Autore dell'articolo: Roberta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *